LaTeX su piattaforma Microsoft Windows: guida (quasi) completa

6 Flares 6 Flares ×

Nel 1978 un professore della Stanford University, Donald Knuth, famoso per il suo libro The Art of Computer Programming, rilasciò un programma per il desktop publishing che chiamò TeX (che è pure il linguaggio di markup col quale creare i documenti).

TeX risultò essere molto potente fin dai primi rilasci, ma era pure uno strumento piuttosto complesso a fronte di risultati finali eccezionali. Fu apprezzato dagli accademici in generale perché facilitava (nonostante ciò possa sembrare in contraddizione con la dicitura “strumento complesso”) la scrittura di documenti scientifici di ogni tipo. Dato il suo livello di complessità Leslie Lamport decise di derivarne un ulteriore linguaggio di markup operante a più alto livello. Nel 1985 venne così lanciato LaTeX, distribuito sotto licenza free. LaTeX conobbe sin da subito un grandissimo successo ed è diventato praticamente quasi uno standard in moltissime università e centri accademici di tutto il mondo per la redazione di documentazione tecnica (fra scienziati, matematici, fisici, chimici, ingegneri e, indifferentemente, cultori delle materie letterarie).

E’ disponibile per tutte le piattaforme, quindi ampiamente utilizzabile su sistemi Microsft, Apple o Unix-like.

In questo articolo mostreremo il suo uso su piattaforma Microsoft Windows, accennando ai vari strumenti che possono essere di aiuto a quanti intendono utilizzarlo per produrre materiale scientifico o di qualsivoglia natura.

Vi anticipo che potete soddisfare ogni vostro dubbio visitando il sito ufficiale della distribuzione o il Gruppo di Utilizzatori Italiani di TeX.

Passo preliminare: installazione di GhostScript

Per prima cosa bisogna installare GhostScript, cioè una sorta di programmi capaci di interpretare il linguaggio PostScript (che serve a descrivere pagine, testi e immagini). Il miglior candidato è proprio GhostScript (scaricabile da questo indirizzo) per il quale esiste una comoda interfaccia grafica e cioè GhostView (il cui sito ufficiale è questo).

Il processo di installazione è semplicissimo e dovrete solamente rispondere a un paio di domande. Occhio soprattutto a quando vi viene segnalato quali formati di file saranno associati a GhostView: in particolare dovrete decidere se aprire i PDF col suddetto programma o continuare a usare il software che più vi piace (tipo Adobe Reader).

Scaricare e installare MiKTeX, questo sconosciuto

MiKTeX è una delle più importanti distribuzioni disponibile per Microsoft Windows capace di mettere a punto un completo ambiente TeX/LaTeX. Nell’ottobre del 2010 è stata rilasciata la versione numero 2.9 (supporta ora pure Windows 7).

Dal sito ufficiale potete scaricare il file di installazione. Ne esistono di due tipi:

  1. il NetInstaller che consta di appena 6MB e che si occupa di scaricare tutto da Internet e procedere così a una installazione completa e completamente personalizzabile;
  2. l’installer completo di 140MB.

Le schermate del wizard di installazione sono semplici da capire. Vi verrà chiesta l’impostazione predefinita sul formato di carta, linguaggi e pacchetti da includere durante l’installazione vera e propria che porterà via qualche minuto del vostro prezioso tempo.

Terminata la fase di installazione ecco che potete cominciare a lavorare sul serio producendo la vostra documentazione.

Cosa serve per lavorare con LaTeX?

Di norma le vostre necessità riguardano un buon editor di testi, un programma di grafica e un visualizzatore di file PostScript o PDF. Cominciamo da questi ultimi perché qui il lavoro è veramente già fatto. Se non avete già Adobe Reader potete comunque contare su GhostView che abbiamo installato al passo 1 di questo piccolo tutorial.

Passando agli editor di testo la scelta è veramente molto soggettiva. Si può propendere per un software completo o uno minimale. In generale serve un comunissimo editor ASCII dove editare i sorgenti LaTeX, quindi basterebbe il Notepad di MS Windows o il leggerissimo PSPad. Oppure potete affidarvi a un editor per programmatori e di seguito vi propongo una breve lista (sono rilasciati sotto licenza freeware o software libero):

Si passa poi agli editor specifici per LaTeX (anche se quelli più completi e professionali sono disponibili per ambienti Unix-like):

  • LyX (assimilabile come un Word Processor a tutti gli effetti);
  • TeXnicCenter (il mio preferito);
  • GNU TeXmacs (il più completo, a mio parere).

Altri software interessanti riguardano la gestione dei formati grafici. In particolare io prediligo DIA per la costruzione di grafici, grazie al buon numero di librerie messe a disposizione dell’utente, praticamente adatte a qualunque tipologia di disegno (schemi elettrici, grafici UML, diagrammi di tutti i tipi). Se dovete lavorare con i grafici matematici allora non potete non usare GNUplot, un must in questo settore. Potete pure usare un comodo tool online quale Draw Anywhere. Io comunque preferisco DIA per la facilità con cui si convertono le immagini nel formato eps.

Un altro software che vi propongo è BibDesk, ottimo per gestire un database bibliografico dal quale estrarre gli elementi da inserire nel vostro documento, in modo facile, pratico e veloce.

Infine ecco due riferimenti per ottenere da un sorgente LaTeX un formato ipertestuale, quale una pagina web: TeX4ht e Latex2HTML.

Tu che programmi usi?

6 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 4 LinkedIn 2 Buffer 0 Email -- 6 Flares ×

15 Comments LaTeX su piattaforma Microsoft Windows: guida (quasi) completa

  1. Pingback: Il punto della settimana #46 | Francesco Corsentino .net

  2. ERL

    Mi daresti un indicazione di come si installa il pacchetto di DIA

    Grazie e complimenti per la guida!

    Reply
  3. pasquale

    Ciao, anche io ho seguito la tua guida e mi sono trovato bene.
    Ho scelto LYX, ma mancando l’ambiente KOMA-script, ho provato ad installarlo con MIKTEK package manager,ma nonostante sia scaricato non riesco ad utilizzarlo in lyx dato che mi dice “pacchetto non disponibile”. Sai aiutarmi?
    Ciao

    Reply
      1. kiko

        Ah ah, non mi hai dato tempo nemmeno per leggere il commento. Felice se ti è stato comunque utile il post!

        Reply
  4. pasquale

    Ciao, vorrei chiederti ancora aiuto se possibile, ho due problemi:

    1) vorrei evitare, o comunque regolare, il modo in cui viene adattato “verticalmente” il testo. Cioè quando inserisco una immagine che non va nello spazio che resta a disposizione, viene giustamente messa nella pagina successiva, ma la precedente ha degli spazi vuoti troppo ampi. Come posso risolvere?
    Ho provato inserendo l’interruzione di pagina,ma cosi ancora peggio, mette l’immagine in cima alla pagina, le due righe di testo in fondo ed un “enorme” spazio bianco in mezzo.

    2) per il frontespizio della tesi che starei scrivendo ho trovato la classe “suftesi”, l’ho scaricata con miktex project manager (cheora mi dice che è installata), ma, pur facendo riconfigura, in lyx non viene vista…sai come posso fare?

    Grazie ancora
    Pasquale

    Reply
    1. kiko

      Sei in Lyx?

      Punto 1: io riconsidererei un minimo le dimensioni dell’immagine, provando a farla stare dentro i paragrafi.

      Punto 2: non conosco purtroppo la classe e non uso Lyx, quindi caschi male.

      Scusa per il poco supporto, @Pasquale.

      Reply
  5. Mattia

    consiglierei anche TexMaker, che oltretutto funziona anche su linux e mac nel caso vi serva.Semplice e ituitivo, adatto a tutti

    Reply
  6. gunzapper

    Ciao,
    splendida guida, molto pratica e utile, ma non trovo BibDesk per Windows… che fare? Uso JabRef?

    Reply
  7. Kai

    Ciao, scusami se riprendo un vecchio post ma avrei bisogno di sapere un paio di cose su latex visto che mi ci sto avvicinando da poco, sperando tu possa aiutarmi te le elenco…dunque la prima cosa è: posso istallare su windows tutti e tre (o più) gli editor per provare a vedere quale dei tre mi piace di più? ci sono problemi di conflitti tra di loro o non funzionano o hanno bisogno di programmi separati eccecc? se posso farlo, basta che poi faccio partire uno dei tre e lo provo senza problemi? posso esportare file per farli aprire dagli altri o una volta salvato il documento con un editor è impossibile aprirlo con altri editor? la seconda è: esiste un bibdesk versione windows? se si , come si chiama e lo consigli? grazie per le eventuali risposte.

    Reply

Lascia il tuo commento

Tranquillo: la tua email non verrà pubblicata.

Puoi usare i seguenti tag HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>