Linux dominerà il mercato dei server?

6 Flares 6 Flares ×

Il pinguino non è riuscito a sfondare sui desktop. Le quote di mercato sono troppe basse per cantare vittoria. Microsoft Windows e Apple la fanno largamente da padroni e non basterebbe un solo articolo per spiegarne i motivi. Il discorso è difende se spostiamo il nostro focus sui server. In tal caso Linux è riuscito a ritagliassi una posizione estremamente interessante, con ulteriori prospettive di crescita. Ci siamo siamo interrogati sui motivi di un simile successo e ne abbiamo ricavato i seguenti fattori critici.

Prezzo. È indubbio che i costi di licenza del software assumono un’importanza critica per le società, piccole o grandi che siano. Posto quindi la necessità di avere competenze e specialisti in merito, equipaggiare i server aziendali con CentOS o Debian ha un costo pari a zero, rispetto all’acquisto dei sistemi Microsoft o Apple. E ciò vale pure gli aggiornamenti.

Le distribuzioni Linux garantiscono, a fronte di aggiornamenti e di una opportuna configurazione, una migliore stabilità e sicurezza rispetto ai sistemi concorrenti. Maggiore robustezza nei confronti di virus e malware, da sempre l’incubo peggiore dei sistemisti su ambiente Microsoft Windows, e prestazioni in stabilità più confortanti. I riavvii sono sempre meno necessari (praticamente solo in caso di kernel update) e le falle di sicurezza statisticamente minori.

Linux riesce meglio a sfruttare anche l’hardware datato, consentendo alle aziende di risparmiare sui costosi aggiornamenti dei componenti hardware, appunto. Grazie a un kernel costantemente aggiornato e una comunità attiva sul fronte dei driver compatibili, una distribuzione Linux non costringerà a continui rinnovi del parco macchine.

6 Flares Twitter 3 Facebook 2 Google+ 0 LinkedIn 1 Buffer 0 Email -- 6 Flares ×

1 Comment Linux dominerà il mercato dei server?

  1. Pingback: Il punto della settimana #52

Lascia il tuo commento

Tranquillo: la tua email non verrà pubblicata.

Puoi usare i seguenti tag HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>