Metti un Talent Garden a Pisa… 3/3

7 Flares 7 Flares ×

Coworking e Talent Garden. Ma nel mondo cosa succede? Perché l’Italia si è accorta del coworking e si sta così intensamente interessando al fenomeno delle startup – che, occorre ribadire, fenomeno non lo è per niente! – spinta da una informazione che ne sta tessendo le lodi?

Le puntate precedenti:

Cosa succede nel mondo?

Negli ultimi anni gli USA hanno generato 3 milioni di posti di lavoro e hanno lanciato Startup America dove gli attori sono università e imprenditoria, finanziatori e fondazioni. E’ stato prodotto circa 1 miliardo di dollari in business service e per i prossimi anni continuerà a sovrastare ogni altra realtà mondiale in termini di startup e innovazione.

Startup America

Promuovere l’imprenditoria per incoraggiare il settore privato a investire in start-up e piccole imprese: ecco cosa è Startup America!

Israele sta raccogliendo i frutti nel settore high tech grazie a un ottimo programma a favore delle startup (Yozma). Altri esempi sono il Cile, la Svizzera, l’Estonia, l’Inghilterra (dove nel 2011 è stato lanciato Startup Britain) e Berlino.

Specificatamente al coworking, simili spazi sono già nati e cresciuti in tutte le parti del mondo ed è naturale prendere questi esempi come riferimenti per far crescere TaG Pisa al meglio. La Silicon Valley ci ha messo ancora lo zampino e proprio in questa zona troviamo diversi illustri esempi. Ma non solo.

A New York esiste la WeWork che rifornisce di tanto in tanto VentureBeat a San Francisco di giovani talenti e interessanti startup. Proprio WeWork è un grande esempio di coworking, molto dinamico perché è in grado di ospitare una grande varietà di figure e team, tutte al lavoro fianco a fianco e abitanti che si rinnovano nel tempo.

In Arizona è nata Gangplank che da incubatore si è trasformata in uno spazio di coworking. Proprio uno dei fondatori di Gangplank ha giustificato questo cambiamento con una frase bellissima:

[…] le aziende che operano all’interno di spazi di coworking sono in grado di generare sinergie inattese e molto producenti.

Lo spazio di Labs Dogpatch sta invece seguendo il percorso opposto a Gangplank e da semplice coworking sta diventando un vero e proprio acceleratore favorendo l’ingresso e la nascita di startup e supportandole durante il lancio e la crescita fino a maturazione completa.

Un esempio ibrido fra coworking e incubatore è RocketSpace a San Francisco, con vincoli molto particolari per l’accesso epperò tutte le caratteristiche interne per definirsi un vero coworking. Spotify nasce in RocketSpace.

RocketSpace

Una veduta dell’interno di RocketSpace a San Francisco

Nella California opera il centro Plug and Play Tech Center che prevede ingressi semplici con l’affitto dello spazio o un preingresso nel programma di incubazione. E’ abitata quasi esclusivamente da startup che trovano in questo luogo la migliore condizione per svilupparsi e contaminarsi fra loro, come da mission. Le società che entrano in questo centro sono fortemente incentivate a collaborare e interloquire fra loro, alla ricerca delle migliori soluzioni.

A Tel Aviv è invece nato il TechLoft, uno spazio di coworking che sta mietendo successi in campo internazionale grazie al lancio di diverse startup. Una su tutte la Face.com recentemente acquisita da Facebook. Alla TechLoft troviamo freelance e startup, team assemblati anche casualmente che sviluppano idee da cui nascono imprese.

E in Italia?

Cosa può diventare il Talent Garden Pisa?

Le startup oggi partono da un’idea, solitamente del team fondatore, poi cercano finanziamenti e investitori, quindi sviluppano l’idea in un prototipo, quindi sperimentano e in ultimo c’è il marketing e l’approdo sul mercato. Lì avviene la verifica ultima: riuscirà a essere appetibile per clienti e potenziali acquirenti? Se guardiamo solo al mondo Digitale e al Web, tali idee hanno solo bisogno di un computer e di una scrivania, non di infrastrutture eccezionalmente complesse o costose. Eppure simili luoghi sembrano clamorosamente mancare.

Nell’età dell’informazione queste startup nascono, crescono, proseguono la loro vita rimanendo sul mercato, staccandosi dagli originali investitori o si fanno acquisire o muoiono. In ogni caso hanno generato esperienza, cultura, progresso. Certamente nascendo e sviluppandosi potranno verificare la loro forza sul mercato. In Italia il primo scoglio è fondare la società e trovare investimenti. E manca, comunque, un luogo in cui proliferare e crescere, contaminarsi con altre realtà.

Talent Garden Pisa mira a creare il luogo migliore in cui crescere, formarsi, svilupparsi e questo perché permette di accedere a uno snodo di collegamento fra professionisti e manager, competenze diverse e persone diverse.

Talent Garden Pisa è una proposta ispirata a quanto già accaduto nelle migliori parti del mondo, alle migliori esperienze che hanno generato progresso e riscosso successo in termini di startup nate, di lavoro, di cultura. I coworking space sono diventati nel mondo dei veri e propri incubatori di idee. Luoghi ideali per startup e freelance dove nascere, crescere e svilupparsi.

Senza una community a supporto, un progetto Web, un progetto Digitale e di Comunicazione non può avere successo. Vale sul Web, vale per i siti, vale anche per la comunità locale dove i progetti nascono o dove possono nascere.

Talent Garden

Uno splendido scorcio di Talent Garden Brescia: un vero passion working space!

Talent Garden è allora il centro che unisce tutte le menti geniali e più propositive che hanno l’obiettivo di sviluppare idee trasformandole in imprese, in aziende. Tutte queste menti geniali, come piantine di un giardino, hanno bisogno di un posto in cui crescere e svilupparsi. Appunto un… giardino dei talenti. Tutte insieme, eppure ognuno secondo il proprio ritmo, secondo i propri obiettivi e possibilità, secondo le proprie competenze.

Talent Garden è per prima cosa una community forte e attiva, impegnata a valorizzare le competenze di ciascuno dei suoi abitanti per farle esplodere nel proprio lavoro attraverso un ambiente sano e creativo in cui operare. Una sorta di centro dell’innovazione, in concomitanza con strutture già esistenti o in vece di strutture non esistenti o comunque non idonee. Startup e freelance non hanno bisogno spesso di capitali ingenti a cui attingere, ma hanno bisogno del supporto di una community, di collaboratori validi. Le persone sono molto più importanti delle infrastrutture, come ha insegnato lo sviluppo del Web, e TaG offre in realtà una perfetta sintonia fra le due cose: persone e infrastruttura.

Talent Garden diventa, quasi naturalmente, un incubatore di idee, un centro di creazione di lavoro a cui la comunità locale può accedere liberamente durante eventi e seminari e corsi liberamente offerti in TaG dai suoi abitanti o da professionisti e aziende esterne alla struttura, ma che nella struttura trovano tutto l’appoggio necessario per sviluppare le proprie idee.

Il TaG Pisa può diventare il luogo dove troverebbero vita progetti e startup a vocazione sociale e cioè tutte quelle attività adatte a promuovere l’editoria su Internet, un più innovativo programma turistico, azioni per la salvaguardia del patrimonio culturale della città. Un luogo dove organizzare più frequentemente eventi e seminari per tutta la comunità locale e tale da abbracciare quanti più argomenti possibile.

Un incubatore di idee

Posto che ogni abitante del Talent Garden Pisa finisce per curare al meglio i propri clienti e il proprio lavoro, è vero pure che lo spazio di coworking finisce per diventare un centro creativo entro cui sperimentare nuovi progetti. Sempre più idee, nate spontaneamente in uno spazio di coworking, finiscono per tramutarsi in una vera impresa: deciderà poi il mercato la bontà del progetto.

Così Talent Garden Pisa può realmente diventare un centro di creazione lavoro, in cui si alternano agenzie, startup e freelance ognuno impegnato autonomamente o attraverso team nati all’interno dello spazio. Le riunioni, i caffé e i pranzi possono essere gli apripista per nuove imprese.

Un incubatore di idee

Il Talent Garden Pisa mira a diventare un vero incubatore di idee

Non solo. Gli eventi e i seminari che la comunità proporrà faranno di Talent Garden Pisa una sorta di attrazione culturale per l’intera città e non solo. La promozione di eventi, come lo dimostrano altre città quali Brescia, Bergamo, Padova, Milano e Torino, è sempre più il motore per smuovere le menti di un intero territorio e incoraggiare alla creazione di imprese e allo sviluppo di idee. Pisa è un centro fervido in questo caso, ma pare appunto mancare un centro come Talent Garden, tale cioè da riunire queste menti in un unico luogo e farle crescere insieme.


Sei curioso di sapere cosa stiamo combinando a Pisa? Vieni a trovarci in un primo evento in cui mostreremo lo spazio dove sta nascendo Talent Garden Pisa.

Appuntamento fissato a giovedì 13 dicembre alle 18, secondo piano de La Vela che è un po’ il simbolo dell’area di Montacchiello.

Registrati su Eventbrite

Registrati su Eventbrite

7 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 2 LinkedIn 4 Buffer 1 Email -- 7 Flares ×

1 Comment Metti un Talent Garden a Pisa… 3/3

  1. Pingback: Metti un Talent Garden a Pisa... | Francesco Corsentino.net

Lascia il tuo commento

Tranquillo: la tua email non verrà pubblicata.

Puoi usare i seguenti tag HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>